Pandolce genovese basso

Pandolce genovese basso

Condividi sul tuo social network :

Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Adjust Servings:
300 gr Farina 00
105 gr Zucchero
1 Uova intere
85 gr Burro
80 gr Latte intero
75 gr Arancia Candita
75 gr Cedro Candito
250 Uvetta
20 gr Pinoli
2 Cucchiaini Semi di finochietto
1/2 fialetta Aroma Rum
1/2 fialetta Aroma Vaniglia

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

È necessario effettuare il login o registrarsi per visualizzare e gestire i segnalibri.

Natale a casa mia non è tale se sulla tavola non mettiamo il nostro pandolce genoves, io vi propongo la versione quella più moderna senza l'impiego del lievito madre ma altrettanto buona e fattibile da tutti provatela non ve ne pentirete soprattutto se vi piacciono uvetta canditi ....

Cucina:

Ingredienti

Indicazioni

Condividi
(Visited 76 times, 1 visits today)

Passaggi

1
Fatto

Iniziate con il prepararvi tutta la parte diciamo di frutta secca tagliate a cubetti i canditi e inserite il tutto in un contenitore

2
Fatto

In un altro contenitore capiente inserite il burro a tocchetti e lo zucchero , con l'aiuto del cucchiaio lavorate il tutto dopo di che aggiungete l'uovo e continuate ad amalgamare

3
Fatto

A questo punto aggiungete al composto di burro la frutta secca il latte e gli aromi e lavorate ancora sempre con il cucchiaio

4
Fatto

Ora è il momento di aggiungere la farina nella quale avrete già messo il lievito, amalgamate inizialmente con l' aiuto del cucchiaio il composto, dopo di che trasferitelo sul piano di lavoro e aiutandovi con poca farina, fate una palla che poi schiaccerete dando uno spessore di 7- 8 cm con fate dei segni in superficie come da immagine.

5
Fatto

Infornate in forno preriscaldato a 180°C per 45 minuti una volta cotto, fatelo raffreddare, attenzione nel muoverlo perché da caldo si spezza facilmente. si conserva a lungo fasciato in pellicola trasparente o sotto campana di vetro. Provatelo.... gusterete un pezzo di Ligura e della sua tradizione natalizia. Buone feste

Pestoepolenta

Salve sono "Pestoepolenta" perché questo nome? semplice sono una ligure doc amante del pesto trasferitasi in Lombardia per amore ....da qui il mio nick

Anteprima Commenti

Non ci sono ancora commenti per questa ricetta, utilizza il modulo sottostante per scrivere la tua recensione
Precedente
Tenerina al cacao
Prossima
Strozzapreti con scampi
Precedente
Tenerina al cacao
Prossima
Strozzapreti con scampi